Vi racconto il Tour Laghi 2012

di Daria Legnaro

Vi racconto la mia esperienza alla Tour Laghi 2012 – una corsa a tappe nella Valle dei Laghi in provincia di Trento che si è svolta dall’1 al 3 giugno – dove ho potuto misurarmi su percorsi sterrati e con salite su sentieri piuttosto impervi. La classifica veniva stilata sulla somma dei tempi delle tre tappe da percorrere in tre giorni diversi.

La prima (di circa 6 km) con partenza dal Lago di Santa Massenza prevedeva un tracciato con un inizio apparentemente tranquillo, ma che già al secondo km era reso più impegnativo da una lunga salita di sterrato che si snodava fino quasi alla fine del percorso, con un arrivo tra un dedalo di viottoli nel borgo di Fraveggio. Ho corso bene (direi meglio rispetto le mie previsioni!) e mi sono classificata 5. assoluta.

La seconda tappa, prevedeva lo start dal lago di Terlago su una distanza di 12 km, con i primi due in leggera salita, poi un alternarsi di saliscendi su manto stradale e successivamente riprendeva lo sterrato prima con piccoli strappi e poi con un ascesa più lunga fino a scollinare e finire la gara in volata con una bella discesa; in questa tappa sono riuscita ad esprimermi decisamente meglio e nonostante l’ordine di arrivo fosse invariato, non è aumentato di molto il distacco cronometrico dall’atleta che mi precedeva.

Per l’ultima tappa, erano 9 i km da correre e si partiva già con una bella discesa dalla località di Castel Madruzzo; poco dopo però iniziava il primo tratto di salita, dapprima su strada per poi inoltrarsi su un sentiero nel bosco, e tra rocce e radici insidiose nascoste nel terreno. La fatica oscurava la mia lucidità e sono stata costretta a rallentare per non rischiare di cadere (qui la mia esperienza non era molta, anzi!), così venivo superata dalla ragazza in 6. posizione, ma non demordevo (sapevo di avere più di un minuto di vantaggio in classifica generale) e così quando la discesa è tornata sulla strada principale con un allungo sono riuscita a riprenderla. Ad un paio di km dall’arrivo nessuna delle due aveva voglia di mollare, decidevo di non partire subito e ho assecondato il ritmo della mia avversaria; poi l’istinto ha prevalso e nonostante il fiatone ho iniziato ad aumentare. Mancavano 500 mt e l’arrivo era tutto in salita: curva a gomito a sinistra, rettilineo, curva a gomito a destra, poi di nuovo il dedalo di viottoli; con uno slancio finale riuscivo in volata ad aver la meglio.

Molto stanca, ma anche molto felice: ho acciuffato il 5. posto assoluto e il 2. di categoria. Nonostante la montagna non sia esattamente tra i miei percorsi preferiti e la mia tecnica decisamente da migliorare, devo ritenermi davvero soddisfatta! Voglio rivolgere un sentito ringraziamento al gruppo organizzatore dell’evento (il G.S. Fraveggio) in quanto ottimo promotore della manifestazione e fare vivissime congratulazioni al mio gruppo dei Turristi Montegrotto, che si è aggiudicato il 2. posto nella classifica a squadre!

Lascia un Commento