A Udine ho ritrovato certe sensazioni…

di Giovanna Pizzato

Voglio raccontarvi la mia gara di Udine (una mezza maratona con un campo di partenza davvero tosto), ma prima di tutto ringrazio Matteo Gobbo, compagno di allenamento (ma in primis amico!), che è venuto con me per aiutarmi in questa impresa personale. Alle 9.30 viene data la partenza… al primo chilometro viaggiamo già a 3’33”, Matteo mi dice che sto andando un po’ troppo forte e quindi devo diminuire il ritmo. Sono partita per finire attorno all’ora e 17, quindi devo stare su una media di 3’40” al chilometro.

Diminuisco un po’, secondo chilometro in 3’38”, ma già dal terzo siamo nuovamente a 3’35”… proseguiamo così e passiamo ai 10 chilometri in 36’20”. Faccio due conti e capisco che sto già correndo attorno all’ora 16’30”… mi dico: “molto bene Giovanna, le sensazioni sono ottime continua così!”. Matteo è preziosissimo, mi prende l’acqua ai ristori, mi chiede come sto, ho quasi la sensazione che stiamo dividendo la fatica! Arriviamo intanto al 16° chilometro e continuiamo regolari a 3’35”-3’36” ( ho fatto il 12 chilometro un po’ troppo forte a 3’28”).

Al 18° chilometro Matteo mi avverte che 150 metri davanti a noi c’è una ragazza etiope (si tratta di Haimanot Sweve, ndr) e mi dice “Andiamo a prenderla”, ma le gambe cominciano ad essere stanche. Ci portiamo comunque sul ritmo di 3’30” e comincio a sentire la fatica. Arriviamo al 20° chilometro, controllo per la prima volta il cronometro. Faccio due conti e capisco che forse riesco a chiudere in 1 ora e 15. L’etiope è sempre più vicina a noi… le gambe ormai vanno avanti per forza di inerzia. Matteo mi dice di non mollare: e allora stringi i denti Giò! Raggiungiamo l’etiope e tagliamo il traguardo: 1 ora 15’56”.

Sono davvero troppo contenta: dopo tanti anni ho rivissuto delle magnifiche sensazioni! Grazie a tutti i ragazzi del campo di allenamento che ogni volta mi aiutano, grazie a Matteo per avermi aiutato in gara, grazie al mio allenatore Mattiello per il tempo che mi dedica, grazie alla mia famiglia per il sostegno quotidiano… E grazie a tutti quelli che insieme a me hanno gioito per questo successo, che spero sia un punto di partenza.

Per la classifica della maratonina di Udine clicca QUI

Lascia un Commento