18 dicembre 2016 – Buona la prima per Teresa Montrone; Faniel Ghebrehiwet fa il bis

(Daniele Pagnutti) La pugliese Teresa Montrone e l’italo-eritreo Eyob Faniel Ghebrehiwet hanno vinto a Cittadella l’11. Maratonina della Città Murata, in una edizione che ha ancora una volta stabilito un nuovo incredibile record di partecipazione. La manifestazione organizzata dai Maratoneti Cittadellesi ha raccolto stavolta ben 2246 iscritti (+25 per cento rispetto all’anno scorso!) e si installa così al settimo posto fra le mezze maratone nazionali. Un successo strepitoso di crescita numerica e qualitativa, che davvero nessuno poteva immaginare: cinque anni fa questa gara aveva poco più di seicento partecipanti e già sembravano tantissimi, ma ora viene vista dagli atleti di tutto il paese come una delle grandi gare nazionali cui non si può mancare.

Il successo è dovuto a molteplici fattori, quali la perfetta organizzazione, la superba logistica, la bellezza del luogo e la mancanza di concorrenza in questo periodo dell’anno; ma ha funzionato molto anche il tam-tam sui social network degli atleti stessi: chi partecipa, la consiglia a tutti gli altri. E così questo è diventato un evento straordinario, sicuramente il più importante che Cittadella offre nel corso dell’anno.

La gara è stata bella e appassionante, perché la qualità degli atleti in lizza ha garantito lo spettacolo. In campo maschile erano tre i colored protagonisti: con Ghebrehiwet, sono andati in fuga i due keniani Julius Rono e Daniel Ngeno, che verso metà gara avevano un vantaggio di 43″ sul brianzolo Michele Belluschi e di 2’26″ sul gruppo formato da Giradelli, Bernardi, Pasetto, Lo Piccolo, Baù, Mazzarini e Dell’Osta. Ghebrehiwet (già vincitore nel 2014) aumentava il ritmo verso il quindicesimo chilometro: prima si staccava Ngeno (che soffriva vistosamente per un risentimento inguinale) e poi si arrendeva anche Rono; così la stella italo-eritrea poteva vincere in 1h04’52″, con 41″ su Rono e 1’40″ su Ngeno. Giù dal podio si piazzava il bravo Belluschi (a 2’37″) e poi Giradelli (a 3’41″).

Fra le donne inizialmente era una lotta a tre, fra Montrone, Eleonora Bazzoni e Giovanna Ricotta; ma ben presto la vincitrice delle due precedenti edizioni doveva lasciar andare le compagne di fuga; a metà gara la coppia di testa aveva un vantaggio di 1’17″ sull’ospedaliera padovana, di 2’03″ su Barbara Bani e 2’45″ su Chiara Renso. Nel finale anche Bazzoni doveva cedere e così Montrone faceva centro alla sua prima partecipazione a Cittadella in 1h16’05″, con 1’18″ sulla romana, 3’03″ su Ricotta, 4’40″ su Bani e 4’42″ su Boglione.

Fotogallery a breve

Tutti i risultati QUI

ARRIVO – Uomini: 1. Eyob Ghebrehiwet (Venicemarathon) 1h04’52″, 2. Julius Rono (Recanati) 1h05’33″, 3. Daniel Ngeno (Libertas Orvieto) 1h06’32″, 4. Michele Belluschi (Daini Carate) 1h07’29″, 5. Fabrizio Girardelli (Trentingrana) 1h09’33″. Donne: 1. Teresa Montrone (Alteratletica) 1h16’05″, 2. Eleonora Bazzoni (Colleferro) 1h17’23″, 3. Giovanna Ricotta (Active Running) 1h19’08″, 4. Barbara Bani (Sulzano) 1h20’45″, 5. Flavia Boglione (Saluzzo).

Info su Daniele Pagnutti

Ho 60 anni e vivo a Padova; faccio il giornalista dal 1983. Attualmente collaboro con il Gazzettino di Padova e con la rubrica televisiva "Verde a NordEst". Svolgo anche attività di ufficio stampa. Mi piacciono vari sport, fra cui il podismo, che ho iniziato a seguire in modo continuativo nel 2008. E mi sono così appassionato da imbarcarmi in questa impresa, senza la pretesa di sfidare i supercolossi del settore...
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento